che quando ti chiamo sento che mi sento a disaggio

29 novembre 2014

la violenza di genere è un problema da tempo considerato e per il quale la società civile si dota di strumenti in continua espansione ed evoluzione: attivo dal 2006, il numero nazionale di pubblica utilità 1522 permette alle donne di ricevere ascolto e assistenza

a Torino si è deciso di affrontare anche l’altro lato del problema, offrendo sostegno al maschio violento, aiutandolo a riconoscere il disagio e a non sentirsi solo nel labirinto della propria rabbia: lo sportello d’ascolto è gestito da privati ed esiste dal 2009

ho scoperto questo servizio al maschile grazie alla coincidenza di due affissioni parallele che mi sono trovato sotto casa

affissioni parallele dei numeri d'aiuto per la violenza di genere

ora, io capisco che un servizio nazionale abbia buon gioco ad avvalersi di un numero breve e di facile memorizzazione, mentre un servizio locale debba giocoforza appoggiarsi alla rete telefonica ordinaria, tuttavia

tuttavia mi chiedo quanto sia ragionevole che, ove una donna contusa e infelice possa con quattro ditate chiedere aiuto, il maschio in overdose d’adrenalina, con le dita ancora tremanti, debba mettersi a ravanare la tastiera per comporre dieci cifre impossibili da memorizzare

parità vo cercando, ch’è sì rara

5 Responses to “che quando ti chiamo sento che mi sento a disaggio”

  1. M Says:

    Ogni volta che vedo questi manifesti per la città penso a questo post!

  2. meryweb Says:

    Bellissimo! Era da tempo che non passavo di qua ma devo dire che apprezzo sempre il sarcasmo che leggo tra le righe dei tuoi post. A proposito, lo sai che WP ti ha messo la pubblicità …

    • nikink Says:

      ben ritrovata Marisa e grazie per l’apprezzamento: io tendo a considerarla ironia ma, in effetti, essendo di una certa entità, definirla sarcasmo ci sta

      la pubblicità c’è da un pezzo sui blog ospitati da Automattic (il gestore di WordPress.com) e del resto un servizio gratuito da qualche parte dovrà pur trovare il denaro

      dice, ma hai un dominio (nikink.it) e allora perché non fai un bel redirect? risponde: che razza di finto pigro sarei se non lasciassi andare un po’ le cose come vanno?🙂


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: