la lingua che morì col sordo che saltò su una mina

22 ottobre 2012

il titolo non tragga in inganno, non si tratta di un brano di EELST che fanno il verso a Branduardi, ma del sunto plausibile di una storia incredibile, vera e romanzesca come solo la vita sa essere, in perenne vantaggio sulla letteratura: la storia di una lingua romanza- il dalmatico – estinta a fine Ottocento con la morte violenta del suo ultimo parlante, Tuone Udaina, anche noto (!) come Antonio Udina, un barbiere sordo e sdentato, che ricordava a malapena le parole dei genitori e che saltò in aria su una mina, chiudendo il sipario su un idioma parlato per otto secoli e languente da quattro, non prima di essersi fatto intervistare dal linguista Matteo Bartoli

ulteriori approfondimenti e un grazie all’amico e socio Mario, che mi ha fatto scoprire questa vicenda

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: