faccio schifo e me ne vanto

17 maggio 2012

recuperata grazie a una segnalazione di LinkedIn (Guida Alberghiera Professionale, come volevasi dimostrare) la Case history dell’Hans Brinker Budget Hotel, che si autodefinisce il peggiore albergo del mondo con una strategia di marketing non convenzionale, tra viral, guerrilla e no-budget, è davvero interessante

una delle immagini pubblicitarie non convenzionali dell'Hans Brinker Budget Hotel

dedicate un po’ di tempo al sito dell’Hans Brinker Budget Hotel, ottimamente tradotto in italiano, e alle declinazioni della loro corporate image, nella sezione stuff; il mio consiglio è di non perdere, nella sezione history, i primi leaflet del 1996, i microvideo del 1998, i poster del 2005, i leaflet del 2006, i gadget del 2008 e la sezione apologies

un tempo eran di moda i ristoranti dove ti prendevano a parolacce, passatempo d’esangui borghesi in preda al cattolico senso di colpa per esser dei privilegiati, mentre qui il target è giovanile, appunto a basso budget, dunque si suppone che la repulsione si muti in attrazione mediante la leva della spavalderia, del giovane bisogno di riti di passaggio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: