l’oscura selettività del troppopieno e la logica del maggese

5 dicembre 2011

da qualche parte esistono sicuramente libri che spiegano con assoluta esattezza perché il tempo ha questa plasticità infame, capace di riempire ogni interstizio di sé negandosi, in apparenza, a ciò che più vorresti o ti significherebbe

ma anche sapessi dove trovarli, questi libri, naturalmente non avrei… tempo per leggerli

venti mesi fa circa ho dato una tale svolta alla mia vita che ogni suo aspetto ha preso nuova fisionomia

ho cambiato famiglia, case, consuetudini e – da sei mesi – non ho più il lavoro che svolgevo da oltre quattro lustri

all’inizio di questo processo, ho iniziato a diradare la mia presenza in rete; oggi fatico a tornare alla cittadinanza digitale attiva

eppure dovrei, persino un po’ vorrei: ho intrapreso un cammino formativo nel settore della produzione web e tornare a sciabordare, spiluccare, relazionare sarebbe pane per la mia tavola

ma non riesco a trovare, meglio: a riorganizzare il tempo

dicevo: ci sono sicuramente testi distillati di saggezza su questa caratteristica delle nostre nevrosi, ma non li conosco, sicché, per descrivere quanto mi succede e tentare di renderlo almeno un poco universale, ricorro a due metafore mie

il troppopieno, nei sistemi idraulici, non ha coscienza: espelle il liquido al di sopra di un certo livello, ma non si perita certo di selezionarlo

nel caso delle attività che non ci riesce di gestire, è l’inconscio che decide cosa – a dispetto dei nostri alti lai – non ci conviene, non ci possiamo permettere

così un individuo che, poco meno di due anni fa, ne seguiva 140 e più su Tumblr, masticava un feed reader corposo e scriveva tutti i dì svariati post oltre a coordinare un paio di blog collaborativi, oggi non riesce, un giorno via l’altro, a strappare a commissioni e incombenze quotidiane neppure il tempo d’un post, per quanto affermi di volerlo

dev’esserci, a presiedere questo tipo di fenomeni, una logica sfuggente che, qualche giorno fa, ho battezzato logica della maggese: con tutta evidenza, le cose che riuscivamo a fare fino a poc’anzi e ora neanche morti, entrano in un circolo vitale di stasi e recupero energetico in tutto simile alla rotazione agricola

tocca metterci volontà, mettersi alla prova, per riprendere contatto

ciò che sto tentando ora, scrivendo a questa bella ora, pensando con gratitudine a come, in fin dei conti, alla fine di ogni analisi, quel che conta è il fattore umano, l’interesse e l’amore che possiamo suscitare, ottenere

ed ecco che son qui e sorrido, pensando che, a San Francisco, il mio primo lettore ufficiale su questo nuovo blog sta per finire l’orario di lavoro, è connesso e mi beccherà caldo di forno

ciao Pierluigi e grazie per il supporto e la fiducia: non hai idea di quanto m’abbia fatto bene riscoprire, dal tuo ratto follarmi su WP, come sia fantastico il fatto che, se hai abitato un poco in rete, ci sarà sempre chi ti trova subito, appena cambi casa

2 Responses to “l’oscura selettività del troppopieno e la logica del maggese”

  1. pierluigi Says:

    orpo….a parte il ratto mi sono sorpreso e commosso. tanto. ciao a te Nik.

    • nikink2 Says:

      ehehe, non farci caso: son io la pantegana barocca, che non riesce a fare a meno di rodere il dizionario

      sopreso e commosso son stato appunto io, nel trovarti appena entrato in casa: non c’è miglior modo di ricominciare e possiamo auspicare un gioco win-win, dove magari finirò per riprendere il lavoro nella nostra vecchia officina, per dare una mano


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: